Alitosi ed igiene dentale

L’alitosi è un problema che interessa molti dei nostri animali e talvolta può compromettere anche la relazione tra il proprietario e il proprio cane o gatto.

La maggior parte delle volte la sede da cui origina l’alito cattivo è il cavo orale.

A produrre il cattivo odore è il metabolismo batterico delle proteine, in particolar modo degli amminoacidi contenenti zolfo della dieta e nelle proteine della saliva.

Il cattivo odore del cavo orale è quindi indice di un accumulo eccessivo di batteri.

L’alitosi può essere correlata ad alcune patologie del cavo orale:

placca e tartaro (calcolosi) con conseguente parodontopatia;

ascessualizzazione di una o più radici dentali.

Il tartaro è il risultato della mineralizzazione della placca con materiale inorganico proveniente dalla saliva.

Il tartaro, di per sé, non è pericoloso e non causa parodontite (infiammazione delle gengive); tuttavia rappresenta una superficie ruvida su cui può depositarsi ulteriore placca batterica che può causare  gengivite e alitosi.

Mentre la placca (specialmente nell’immediato) può essere rimossa mediante spazzolatura, il tartaro può essere asportato solamente mediante ablazione professionale agli ultrasuoni e lucidatura in anestesia generale.

La par odontopatia è una reazione all’irritazione provocata dall’eccessiva carica batterica. Negli stadi iniziali l’infiammazione può interessare soltanto le gengive (gengivite). Se trascurata può poi interessare tutte le altre strutture di supporto del dente (periodontite).

Ogni tipo di infiammazione va trattata da un professionista in anestesia generale gassosa, rimuovendone la causa (asportazione di tartaro e placca batterica). La gengivite, se trattata in tempo, è reversibile, mentre la periodontite non lo è.

Se il tuo cane / gatto è affetto da alitosi, gengivite o tartaro, richiedi una valutazione al tuo Veterinario. Ti saprà consigliare quanto è necessario eseguire la detartrasi professionale e tutte gli altri accorgimenti affinché il tuo animale  abbia una bocca sana e soprattutto non dolente.